Come usare Facebook per pubblicizzare la propria attività

L’enorme quantità di informazioni che ogni giorno vengono ricevute da parte degli utenti ha reso le campagne pubblicitarie sempre più difficili da portare avanti in modo efficace. Quando si è continuamente esposti a milioni di informazioni si finisce inevitabilmente con l’ignorarne la maggior parte, cercando di mantenere alti i livelli di attenzione solo quando questa è indirizzata verso argomenti che riteniamo veramente importanti. In questo ambito, la pubblicità viene spesso relegata ai margini dell’attenzione. Siamo talmente abituati a navigare su internet in compagnia di banner e annunci pubblicitari che ormai siamo diventati tutti, chi più chi meno, dei veri e propri esperti nell’ignorare sistematicamente qualunque tentativo da parte delle aziende di spingerci all’acquisto. Alcuni studi effettuati monitorando i movimenti degli occhi lungo la schermata delle pagine dei siti web, hanno dimostrato che con l’aumentare delle ore passate a navigare in internet, diminuisce il tempo che gli occhi passano puntando le aree delle pagine dove sono presenti annunci pubblicitari. Questo significa che molto spesso il denaro investito in campagne pubblicitarie online finisce con l’essere inutile in quanto gli utenti cui il messaggio è destinato, semplicemente, non lo leggono.
Per questa ragione, è fondamentale sfruttare le potenzialità dei social network, in quanto strumenti che garantiscono l’accesso a un bacino di utenza virtualmente infinito. Le persone prive di un account Facebook oggi sono sempre meno e in continua diminuzione, il che significa automaticamente che utilizzare questo social network come mezzo di comunicazione pubblicitaria, offre la possibilità di accedere a un numero enorme di potenziali clienti.
L’utilizzo di Facebook non è di per sé strettamente regolamentato per quanto riguarda la pubblicità. Se da una parte esistono gli annunci a pagamento e i post sponsorizzati, dall’altra chiunque può aprire una pagina o un gruppo in forma assolutamente gratuita. A seconda delle necessità che ciascuna azienda può manifestare insomma, è possibile individuare il metodo migliore per scrivere su Facebook annunci pubblicitari perfettamente efficaci.
Prima di tutto è necessario stabilire in che modo vuoi sfruttare il social network per eccellenza. Puoi decidere di utilizzare unicamente le formule gratuite messe a disposizione di tutti gli utenti, puoi optare per il pagamento del servizio pubblicitario da parte del sito oppure potresti decidere per una soluzione mista, basata su entrambi gli approcci.

Come Usare Facebook per pubblicizzare la propria attività gratuitamente

L’utilizzo di Facebook come strumento e mezzo di comunicazione pubblicitaria nella forma gratuita è probabilmente la tecnica maggiormente utilizzata. Utilizzando un qualunque account, anche privato, è possibile creare gruppi e pagine per inserire tutti i contenuti necessari e per poi condividerli. In linea generale il concetto della condivisione dei contenuti è alla base del successo di una campagna pubblicitaria efficace su Facebook (ma anche su altri social network). Poiché lo strumento fornisce l’accesso potenziale a milioni di clienti, è cruciale produrre i contenuti in modo da renderli condivisibili non solo dalla fonte aziendale che li crea. Lo scopo primario della strutturazione dei contenuti su Facebook infatti è quello di spingere gli utenti che si imbattono nell’informazione a ricondividerla. In questo modo il bacino di utenza effettivo aumenta ad ogni condivisione e saranno i potenziali clienti ad occuparsi della diffusione del messaggio.
I metodi più efficaci per sfruttare Facebook per la pubblicità sono le pagine e i gruppi.
Vediamo prima di tutto le differenze. Una pagina è una sezione di Facebook che può essere gestita anche da una singola persona, che si occupa di produrre e condividere contenuti riguardanti uno specifico argomento. Chiunque può avere accesso ai contenuti della pagina e chiunque può visualizzarli e condividerli.
Un gruppo al contrario si presenta in forma maggiormente elitaria. Infatti è necessario iscriversi, quindi i partecipanti ad un gruppo sono direttamente interessati ai suoi contenuti e sono le sole persone che hanno effettivamente accesso alle informazioni che esso contiene.

Creazione di gruppi aziendali

Creando un gruppo aziendale, si va a creare una pagina che contiene tutte le informazioni riguardo il prodotto o il servizio che si sta pubblicizzando. Ad esempio, se si possiede un’agenzia di viaggi, è possibile utilizzare un gruppo di Facebook per informare in tempo reale tutti gli iscritti delle novità o delle offerte in corso. Presentando questi contenuti in modo accattivante (magari utilizzando splendide immagini dei luoghi da visitare) non solo si attirerà l’attenzione dell’iscritto al gruppo, ma lo si spingerà anche a ricondividere l’informazione, dando vita al noto tam tam dei social network che riescono a diffondere una notizia interessante a livello globale del giro di poche ore.

Creazione di pagine affini

Una pagina Facebook si discosta profondamente dal concetto del gruppo. Mentre nel primo caso la tipologia di campagna si avvicina di molto al concetto di outboundmarketing, la pagina Facebook più spesso utilizzata come elemento base dell’inboundmarketing. Restando sempre sull’esempio dell’agenzia di viaggi, è facile immaginare la strutturazione e i contenuti della pagina. Invece di parlare dell’agenzia e delle sue offerte per raggiungere luoghi esotici, si possono inserire contenuti riguardo i luoghi esotici stessi. In questo caso i contenuti devono essere scritti in modo da colpire l’immaginario del potenziale cliente. I testi da inserire nella pagina infatti devono andare a fare leva sulla sensibilità emotiva del lettore, che deve essere spinto all’interesse verso l’argomento trattato. Un testo riguardo le candide spiagge di Zanzibar stimola l’interesse e fa nascere il desiderio di visitare di persona il luogo incantato. Come fare? Semplicissimo. Alla fine dell’articolo, quando ormai l’attenzione e l’interesse del lettore sono stati catturati e mantenuti dall’inizio alla fine del testo, basterà inserire il link alla pagina dell’agenzia in cui sarà possibile trovare l’offerta associata alla splendida vacanza a Zanzibar.
Con questa tecnica pubblicitaria e utilizzando una pagina Facebook, non è più l’azienda che deve fare salti mortali per trovare i clienti, ma sono i potenziali clienti che raggiungono e cercano autonomamente le informazioni che l’azienda vuole trasmettere per spingere all’acquisto del prodotto. Il ruolo della pagina e del pubblicitario in questo modo non è più quella di aggredire il potenziale cliente mostrando esplicitamente quanto il prodotto in vendita sia migliore di quelli offerti dalle altre aziende. Al contrario, il ruolo del pubblicitario diventa quello di creare contenuti interessanti e di forte impatto emotivo, che non forniscano però il 100% delle informazioni: il potenziale cliente deve essere spinto alla ricerca autonoma delle informazioni. In questo modo non si sentirà aggredito dal messaggio pubblicitario ma al contrario, si sentirà protagonista della scelta, non percepirà una forzatura nel ritrovarsi su un sito commerciale o davanti ad una proposta di acquisto in quanto percepirà di averla cercata in modo diretto.

Come usare Facebook per pubblicizzare la propria attività a pagamento.

Un altro valido strumento che Facebook offre da diversi anni è la possibilità di inserire, a pagamento, degli appositi annunci sponsorizzati.
Questo servizio è per ovvi motivi a pagamento. Il suo funzionamento è in ogni caso estremamente semplice. Prima di tutto è necessario creare la pagina dedicata alla tua attività. Questa operazione è semplicissima da svolgere e non richiede alcun investimento di natura economica. Se non vuoi affidarti a dei professionisti del settore puoi sempre optare per una gestione casalinga e creare da solo la pagina. Ciò che è importante è che sia sempre aggiornata con le novità.
Una volta creata la pagina, che sarà il punto di riferimento centrale di tutti gli annunci a pagamento che pubblicherai, dovrai affidarti ai pacchetti offerti da Facebook. Maggiore è il prezzo che sei disposto a pagare, maggiore sarà la visibilità che verrà conferita ai tuoi annunci.
Come funziona il servizio?
Il servizio si basa su una serie di algoritmi che consentono al sistema di individuare a priori gli interessi dei singoli utenti, in modo da proporre gli annunci direttamente a chi potenzialmente è interessato e, contemporaneamente, fa si che ciascun utente riceva unicamente annunci che risultino effettivamente interessanti sulla base di quelle che sono le ricerche effettuate nel corso del tempo.
In altre parole, un utente appassionato di viaggi, sarà percepito come tale dal sistema in quanto tenderà ad effettuare molto frequentemente ricerche online riguardo viaggi, posti esotici e compagnia bella. Il proprietario di un’agenzia di viaggi paga il servizio dei post sponsorizzati e inserisce dei contenuti a scopo di marketing che il sistema immette nelle pagine Facebook. L’utente che a priori ha manifestato interesse verso la tematica dei viaggi, vedrà gli annunci dell’agenzia di viaggi, e magari non vedrà gli annunci di una concessionaria di mezzi agricoli, perché non ha mai fatto ricerche inerenti a questo argomento.

Riassumendo, Facebook è uno strumento estremamente utile per portare avanti campagne pubblicitarie e di marketing, indipendentemente dal fatto che si venda un prodotto o un servizio. Facebook è di per sé una piattaforma che raccoglie milioni di utenti, ciascuno dei quali è un potenziale cliente della tua ditta o azienda. Benché risulti essere una base che offre potenzialità pressoché infinite, è importante saperlo utilizzare al meglio in modo da estrarre tutte le possibili occasioni che regala agli utenti, che siano parte della ditta o che siano parte dei clienti potenziali. La strutturazione iniziale della campagna è fondamentale e la prima scelta da effettuare riguarda la decisione sull’investimento da fare per il marketing.
Se si opta per un investimento economico, gli annunci sponsorizzati che compaiono come post consigliati o a bordo pagina rappresentano una scelta eccellente. Gli utenti che ricevono l’offerta e le informazioni sono già interessati all’argomento e saranno ben disposti davanti all’annuncio e non avranno sentimenti negativi neanche davanti al banner, che spesso rischia di risultare fastidioso quando inerente ad argomenti che non interessano l’utente.
Se al contrario non si vuole o non si può affrontare un investimento economico, si può sfruttare Facebook e tutte le sue potenzialità gratuite. L’istituzione della pagina relativa all’azienda è sempre il primo passo.

Condividi questo post

Lascia un commento